La terapia del ritratto: “Dipingo il subconscio delle persone”

Padova - Dallo sguardo di un ritratto fin dentro la più profonda psicologia umana. Tanti sono i misteri che si possono indagare attraverso l’arte di fissare su tela un istante di vita individuale. A raccontare questo mondo di subconscio liberato ci prova attraverso il libro “Il ritratto a colori” Nicoletta Belli, artista originaria delle Dolomiti ma residente nella provincia Padova che negli anni ha sviluppato una vera e propria passione per la ritrattistica fino a farne uno strumento di indagine psicologica.

Ne “Il ritratto a colori” uscito da pochissimo, spiega come è nata la sua passione per l’arte e come riscattare la propria bellezza interiore ed esteriore attraverso la pittura. «Il ritratto è una delle modalità comunicative più delicate - spiega Belli - riportare su tela l’unicità di una persona è ben diverso ad esempio dal fotografarla. Mette il soggetto a confronto con i propri pregi e difetti, con le caratteristiche che lo rendono differente da tutti gli altri, lo costringe ad accettare questa diversità».

Uno specchio materiale e spirituale, come insegna anche Dorian Gray, personaggio immortale di Oscar Wilde costretto a fare i conti con se stesso a causa del suo ritratto che lo tormenta. «Forse il ritratto per antonomasia è quello della Monna Lisa di Leonardo - continua l’artista - il cui misterioso sorriso affascina studiosi e storici da oltre 5 secoli. Poi pensiamo a Van Gogh, autore di ben 37 autoritratti espressione di uno stato d’animo inquieto e tormentato».

Belli ha spostato quindi la sua decennale ricerca artistica nella direzione dell’analisi psicologica attraverso la pittura e il colore, scoprendo risultati estremamente affascinanti. «Parto dalla conoscenza diretta del vissuto del committente - dice Belli - In questo modo posso selezionare i colori attraverso gli studi del cerchio di Itten che ne colgono le sfumature e gli effetti sul vissuto quotidiano. Importante è stato lo studio dell’astrattismo che assegna alle tinte la profondità degli stati d’animo e delle emozioni. Molte persone hanno paura del proprio ritratto, ad accettarlo, ad osservare le proprie paure ma se si riesce a liberare questo lato oscuro si possono scoprire anche nuovi aspetti che non ho paura a definire spirituali».

L’idea di racchiudere tutto in un libro non è nata semplicemente: «All’inizio non me la sentivo - conclude l’autrice - sono abituata ad esprimermi con i pennelli, non credevo che la scrittura potesse essere mia alleata. Ma poi ho pensato che la maggior parte delle persone non conosce le implicazioni che si celano dietro un ritratto e avevo il desiderio di comunicarlo perché tramite questa pratica è possibile affrontare molti stati emotivi a attuare una vera e propria crescita personale».

You May Also Like

Da oggi ogni tuo passo, corsa, pedalata saranno ricompensati dall’unica e prima app in Europa che ha già trasformato il moto fisico in euro di migliaia di utenti

Valuxxo, un viaggio personale diventa rivoluzione globale nella cura personale maschile

Laboratorio Analisi Sassari: Apertura del Nuovo Bio Clinic con Servizi Avanzati per la Salute

IL NUOVO PARADIGMA DELL’ALLENAMENTO: CREARE LA PROPRIA OASI DI BENESSERE