Ad Arte Fiera di Bologna il broker assicurativo Wide Group istituisce il Premio Wide Art e investe in giovani artisti emergenti

Bolzano - Sempre più vicini al mondo dell’arte e ai giovani talenti. È questo il senso del “Premio Wide Art”, riconoscimento destinato agli artisti emergenti e istituito dal broker di assicurazioni Wide Group in occasione della 44esima edizione di Arte Fiera (in programma dal 24 al 26 gennaio 2020), organizzata da BolognaFiere nei padiglioni 15 e 18.

La filosofia del premio vuole richiamare l’identità stessa della società. Wide Group, infatti, oltre che da broker storici, è composta in gran parte da professionisti con meno di 40 anni. Un team di giovani innovatori che sta rivoluzionando l’intero settore assicurativo italiano con progetti di insurtech all’avanguardia, con nove sedi su tutto il territorio nazionale: Bolzano, Bologna, Milano, Reggio Emilia, Verona, Treviso, Padova, Brescia e Biella. Il “Premio Wide Art” di Wide Group, alla sua prima edizione ad Arte Fiera, si rivolge alle opere esposte in Fiera nel loro complesso, senza limitazioni di medium o contenuto, ma con una preferenza per l’arte delle ultime generazioni, e verrà consegnato all’opera che meglio racconterà il concetto di “interazione tra forma, colore e spazio”. La stessa interazione che c’è tra le persone che ogni giorno collaborano nella società, quella che rende Wide Group uno spirito di squadra e d’ispirazione. Concetto, quest’ultimo, che ne racchiude la storia e gli obiettivi: professionisti con competenze e provenienze diverse che si sono uniti tra loro per offrire ai propri clienti il meglio dell'esperienza nell’ambito della consulenza assicurativa.

Un progetto ambizioso per professionisti che non hanno paura di rischiare, ma che parte da chiare idee: rivoluzionare la figura del broker attraverso i processi, puntando in modo particolare su innovazione tecnologica ed eccellenza del servizio. Innovazione ma dove al centro c’è sempre l’uomo che, supportato dalla tecnologia, può liberamente esprimere valori, passioni, sentimenti e in ultima sintesi “fare” arte. L’opera vincitrice, premiazione in agenda alle ore 16.00 di venerdì 24 gennaio nell’Area Talk dell’esposizione, sarà acquistata da Wide Group ed entrerà a far parte della collezione privata del gruppo, con l’obiettivo di creare, col tempo, un vero e proprio patrimonio artistico.

Giuria Luca Morazzoni, Managing Partner Wide Group Chiara Bertola, critica e curatrice Pier Paolo Pancotto, storico e critico d’arte indipendente Ludovico Pratesi, curatore e critico d’arte La collaborazione con Arte Fiera e l’istituzione del “Premio Wide Art” si inseriscono nell’ambito di Wide Art, percorso che Wide Group – forte della sua expertise nel settore del fine art e dei beni di lusso – sta realizzando attraverso una serie di iniziative mirate a promuovere le arti visive. Wide Art non vuole essere, però, solo un “input” culturale, ma anche porre l’attenzione sull’arte come mezzo per vivere la quotidianità, strumento di passione e innovazione anche per gli stessi collaboratori di Wide Group. 


CONTATTI
marketing@widegroup.eu
+39 0278621900

You May Also Like

Supera i 100mila euro e viene esteso il crowdfunding di Dooitu, leader nei mercato del fai-da-te creativo

Justmary, il “JustEat” della cannabis light, continua a crescere e apre a Bologna. Nel 2019 chiusi crowdfunding per 500k euro, in media 2mila euro di ordini al giorno e 250 nuovi clienti alla settimana

L’iPad con Apple Pencil diventa un vero taccuino di carta grazie a doodroo™, da un’idea dell’azienda trevigiana Batch International

In “Repubblica Digitale” l’impegno del Governo contro l’odio online