DIGITALmeet, festival super-smart: in meno di 24 ore riconverte tutti gli appuntamenti in presenza in eventi online, nel massimo rispetto del DPCM di domenica 19 ottobre

Padova – Nel giorno dell’anteprima della sua ottava edizione, DIGITLmeet si ritrova a dover seguire le nuove direttive sul distanziamento sociale dettate dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri di ieri sera. Con una rapidità unica, tutti gli eventi previsti in presenza sono stati riconvertiti online, con due modalità: la prima usa le piattaforme internazionali e si esplica nei collegamenti da remoto; la seconda mantiene il dibattito previsto in origine, ma senza avere una platea fisica davanti, che sarà invece collegata online.

“Siamo forse il primo caso di evento in Italia, dopo questo DPCM, ad aver cambiato identità così velocemente – spiega Gianni Potti, founder di DIGITALmeet - Noi che abbiamo sempre professato l’alfabetizzazione digitale, ci siamo trovati preparati e abbiamo vinto la sfida. Fortunatamente già una parte degli appuntamenti previsti, circa il 70%, era in modalità webinar. Ora possiamo dire di essere digitali al 100%: avremo la possibilità di raggiungere una platea molto più vasta. Questa è la nuova normalità, il new normal a cui ci dobbiamo adattare e con cui dobbiamo convivere”.   

Il programma di oggi e domani

La preview ufficiale del più grande festival italiano sull’alfabetizzazione digitale è già oggi. Il primo appuntamento, alle 16.00, ha per titolo www.digitalmeet.it. Seguite le dirette su https://www.facebook.com/DIGITALmeet/   Il programma in dettaglio (tutti gli eventi online)  
LUNEDI’ 19 OTTOBRE
ORDINE INGEGNERI Le opportunità digitali sul BIM: Building Information Modeling Ore 16.00  
NOLAN NORTON ITALIA AGRIFOOD E IL DIGITALE. Esperienze di trasformazione digitale raccontate dai protagonisti Ore 17.00    
MARTEDI’ 20 OTTOBRE
Stati Generali della Comunicazione in Emergenza e Crisi. Organizzato da Emergenza24 Ore 10.00  
INFOCAMERE – VENETO LAVORO TIZIANO BARONE, PAOLO GHEZZI Nuovi Strumenti e Servizi Digitali per il Lavoro. Ore 11.00  
ASSOCIAZIONE ALUMNI Crescere attraverso il digitale: il ruolo delle infrastrutture per la connettività Ore 11.30  
DANIELE SALVAGGIO Il linguaggio e la comunicazione delle organizzazioni nel dialogo con i giornalisti. Ore 14.00  
INTRODUCE CARLO PELLEGRINO. INTERVENGONO UGO DIBENNARDO, SILVANO VERNIZZI, WALTER SALVATORE, CARLO PELLEGRINO. MODERA ANDREA DARI. Infrastrutture e Innovazione. Ore 14.30  
IDELFO BORGO, LAURA LOCCI, ALDA+ Una Regione più digitale. Avatar: progettazione partecipata di applicazioni digitali per la comunità Ore 15.00  
UNIVERSITA’ DI PADOVA PAOLO POSSAMAI INTERVISTA ALEC ROSS. INTRODUCONO ROSARIO RIZZUTO E GIANNI POTTI. INTERVENGONO GIANNI DAL POZZO E ANTONELLA CANDIOTTO. ll nostro futuro. Come affrontare il mondo dei prossimi vent’anni. Ore 17.30  
SALERNO, FONDAZIONE SACCONE Interviene Alfonso Amendola Personal branding – strumenti digitali. Ore 18.00  
FIERA DI PADOVA SALUTI LUCA VERONESI, RUGGERO TARGHETTA. INTERVENGONO: ANDREA MICALIZZI, FABRIZIO DUGHIERO, GIANFRANCO SILVESTRI. Soft City per ripartire. I servizi innovativi decisivi per l’economia padovana. Ore 18.00  
RELATRICI CHIARA BELLOSONO, STEFANIA LOVAGLIO. Comunicazione e privacy online: gli opposti si attraggono? Ore 18.00  

DIGITALmeet è il più grande festival diffuso italiano sul mondo del digitale, organizzato da Fondazione Comunica e I-Center TAG Padova con la main partnership di Unicredit. L’ottava edizione, che si pone come obiettivo di ricucire il Paese nel segno dell’alfabetizzazione digitale, andrà in scena con un inedito formato misto, sia fisico che virtuale, declinato in veri e propri Format Nazionali che verranno trasmessi sulle principali piattaforme online per raggiungere il maggior numero di persone possibili, nel massimo rispetto delle normative sanitarie anti-Covid. Per il secondo anno consecutivo, inoltre, DIGITALmeet potrà contare sulla media partnership della RAI, che coprirà i principali eventi sia in radio che in televisione. La filosofia di #DM20 resta quella della commistione tra bottom-up e digistar: da una parte le iniziative dal basso delle comunità digitali, dall’altra i grandi ospiti chiamati a proporre nuove chiavi di lettura. Il tutto seguendo il filo conduttore della Smart Land Digitale, per mettere l’innovazione al servizio dello sviluppo economico e sociale.

«Riteniamo che il digitale e la sostenibilità siano, ancor più nel post Covid, due formidabili drive per ricucire intere parti di territorio – afferma Gianni Potti, Presidente di Fondazione Comunica e Founder DIGITALmeet - Pensiamo alla banda ultralarga, al 5G, solo per fermarci alle infrastrutture digitali. Ma pensiamo anche all’alfabetizzazione digitale, per far crescere non solo l’offerta, ma una domanda, un mercato, che non sia incentrato solo nelle grandi città, nei nodi della rete. Il dopo Covid, se ben gestito, offre molte di queste opportunità. L’economia del futuro deve avere come obiettivo non solo il profitto ma anche il benessere sociale della comunità, facendo diventare la sostenibilità del business uno degli indici e dei valori che si sommano al profitto con pari peso e considerazione. Solo così sapremo passare dalla Smart City alla Smart Land Digitale, una terra felice, dove si vive bene grazie alle tecnologie, alla sostenibilità ambientale, ma soprattutto con la persona al centro».

You May Also Like

È ancora la velocità la leva nello sviluppo dei prodotti, secondo il report di Protolabs

“12 BUONI MOTIVI PER INVESTIRE IN ASSET DIGITALI” LA GUIDA DEFINITIVA PER LE CRIPTOVALUTE SPIEGATA DA CHI LE CONOSCE DAVVERO

Arriva l’app di Zia Sofia: la prima chef creata dall’intelligenza artificiale che esplora le tradizioni culinarie italiane

Ecommerce in Italia a +27% secondo il nuovo Report di Casaleggio Associati