“ONCE UPON A TIME” IL NUOVO BRANO DI LUSI IL LUPO Nel “tempo dell’attesa” Lusi esce con un nuovo video.

Lusi è un bassista e cantante che, da diversi anni, alle sue numerose partecipazioni da turnista in studio con artisti di rilevanza nazionale e internazionale (Alborosie Feat.Sangiorgi & Feat.Elisa, Giuseppe Anastasi, Tonino Carotone tra i primi), affianca con passione il suo lavoro da solista.
La cura e la dedizione verso i suoi progetti lo portano ad avvalersi della collaborazione di James Senese, Fabrizio Bosso e Gatto Panceri nel suo secondo album "Luna ci vediamo domani", fino ad arrivare, oggi, alla co-produzione di Dave Weckl in questo nuovo brano.

""Time" è una composizione strumentale del mio primo disco "Seven", in cui il basso è lo strumento protagonista.
Volevo una versione più ritmica e viva del pezzo, dandogli una nuova veste con sonorità più moderne e accattivanti.
Quando ho conosciuto Dave ho subito pensato che fosse il musicista perfetto per “ONCE UPON A TIME“”.
Un brano originariamente pensato per raffigurare il cambiamento che porta con sé lo scorrere del tempo, viene ora raffigurato in un video rappresentativo di come cambia, oggi, il "fare musica": ogni musicista da vita, nel proprio studio, a una naturale e comune pulsione creativa.

Lusi e Valter Vincenti come produttori del progetto per l'etichetta One More Dub, continuano a lavorare per racchiudere tutte le collaborazioni passate e future in un nuovo album di prossima uscita.
Oltre che su YouTube "ONCE UPON A TIME“ sarà disponibile su tutti gli store digitali.
Mix del brano a cura di Alessandro Quadraccia ,
Master di Andrea Pellegrini.

LINK AL VIDEO (Première): https://www.youtube.com/watch?v=7Wo4m_7AjfY&feature=youtu.be

You May Also Like

Parla di Napoli “Romantico”, il romanzo giallo d’esordio dello sceneggiatore Brando Improta

“Camineras”, il classico della musica sarda rinasce grazie alle contaminazioni senegalesi di Saly Diarra

Una piccola comunità siciliana sconvolta da un terribile delitto: “Ogni cosa torna”, romanzo giallo della palermitana Patrizia Gariffo

“Caro te, ti racconterò di quelli del “fino alla fine””, esordio letterario del giovanissimo (soli 17 anni) cosentino Luigi Castellucci