“Patto d’acciaio” contro il Covid, l’operatore di private equity “IFF” diventa azionista di maggioranza della brasiliana METAL ECO LTD

E’ stato sottoscritto l’accordo che prevede l'ingresso dell'operatore di private equity “IFF”, attraverso la sede Brasiliana, nel capitale sociale della METAL ECO LTD, azienda che da oltre 20 anni produce rigenera e commercializza tubi in acciaio speciali, oltre che leghe e materiali ferrosi che negli anni l’ha resa tra le leader del mercato.

"L’ azienda Metal Eco ha siglato degli accordi di fornitura con il colosso Companhia Siderurgica do Espirito Santo, e visti i quantitativi di materiali contrattualizzati, si è trovata nelle necessità di affrontare forti investimenti sopratutto in termini di tecnologia e sviluppo. L’incontro con il fondo è stato per noi la soluzione a tutti i dubbi ed i problemi - dichiara l’ amministratore Delegato di Metal Eco Sig. Diego Efrain Chorovicz - Sono stati anni di continua crescita per noi, e nonostante le nostre linee di affidamento lavorare con IFF e’ stato ed è una cosa diversa, che ci ha portato a poter siglare in soli tre mesi contratti pari ad oltre 110 milioni di dollari per i prossimi due anni. Il nostro mercato punta molto all’ export, ed il mercato Italiano tra quelli Europei e’ quello di riferimento,  stiamo infatti valutando l’apertura di una filiale in Italia per l’ottimizzazione dei servizi di vendita e di logistica per tutta l’Europa".  

Come nuovo azionista di maggioranza, IFF mira a rafforzare la presenza di forniture costanti  su tutti i mercati, aumentando  la gamma di prodotti e servizi  tramite nuovi investimenti in particolare modo sugli  impianti esistenti in Brasile per poi puntare in Italia; il fondo è stato da subito chiaro sulla volontà di voler maggiormente strutturare la parte tecnologica ed industriale, con macchinari d’avanguardia e di ultima generazione.  

"Abbiamo previsto oltre 50 mila tonnellate di lavorazione entro il primo semestre del 2021, commenta il Dr. Sandro Paolo Di Benedetto, vertice del fondo -  e con le grandi difficoltà nei mercati, di questo anno, cerchiamo di dare il nostro contributo per creare un minimo di stabilità e continuità lavorativa, visto che l’ indotto attuale soddisfa oltre 280 famiglie. Diego Chorovicz, è un’imprenditore che conosce bene il mercato, ha oltre 20 anni di esperienza nel settore, è persona referenziata in tutte le più grandi società Europee e del sud America, oltre che negli Stati Uniti;  lo contraddistingue una grande umanità con il quale riesce a conciliare lavoro e gestione dei rapporti personali con collaboratori e dipendenti".

"Con il team giusto, consapevolezza e volontà si possono fare delle cose sorprendenti - conclude Sandro Di Benedetto - la cosa importante è non perdere mai di vista l’obiettivo,  ed operare con competenza e visione dei mercati, nel rispetto e la tutela di tutti i collaboratori e dipendenti che sono il motore trainante delle aziende.   Noi tutti di IFF,  abbiamo da sempre avuto l’ ambizione e la mission, di voler fare la differenza, accompagnando imprenditori ed i loro progetti perche’ meritevoli delle idee ed iniziative talvolta anche in start up, proprio perche’ non ci siamo mai soffermati solo alla classificazione delle remunerazioni e degli interessi; la redditività in economia e’ dettata dal risultato delle competenze di qualcuno ed il soddifacimento nel fruire del servizio o del prodotto di altri. Ed e’ con questo spirito che abbiamo abbracciato lo sviluppo di  Metal Eco e le idee del Signor  Chorovicz,  al quale và tutto il nostro plauso ed un grande augurio per tutta l’ attività lavorativa, visti gli impegni importanti contrattualizzati già per il nuovo anno".

You May Also Like

Wide Group SpA sale sul podio durante la cerimonia MF Insurance Awards 2021 e conquista il primo posto come “Miglior Broker”, della categoria Premio Insurance Elite

Protolabs acquista 3D Hubs

eTaxi accetterà i pagamenti delle corse in Bitcoin e stringe una partnership con l’azienda specializzata in Blockchain Future’s Value

Ecco i cinque motivi che portano il 90% degli ecommerce in Italia a fallire entro il primo anno di vita. A dirlo è un sondaggio di 123Ecommerce (su un campione di 1056 attività)