Criptomining, la fabbrica di Bitcoin nel cuore di milano, lancia un aumento di capitale da 300 mila euro

Criptominig.online, startup che ha creato a due passi dal Duomo di Milano una delle più grandi miniere di criptovalute d'Italia, ha lanciato un aumento di capitale da 300.000 euro sul portale di crowfounding Opstart.it.  

I nuovi record del bitcoin oltre i 30.000 euro stanno spingendo la nostra attività e oggi abbiamo la possibilità di cresce molto più rapidamente grazie alla raccolta di capitali. Tutti possono diventare soci della nostra azienda. Obiettivo dell'operazione è quello di triplicare la potenza di mining installata.

"Abbiamo in programma di superare le 100 macchine in produzione entro fine anno. In questo momento stiamo producendo 0,5 Bitcoin ogni mese, ma vogliamo arrivare a superare 1 Bitcoin-mese di profitto", spiega Matteo Moretti, uno dei soci fondatori della società. "Stiamo ricevendo moltissime manifestazioni di interesse da parte di investitori ma anche da chi vuole comprare servizi da noi", ha aggiunto.  

Fra le nuove opzioni che la società offre, infatti, ci sono "dei servizi di housing", ovvero la possibilità di ospitare macchine di terzi garantendo sorveglianza e manutenzione, e anche quella di creare delle macchine da mining per chi fosse interessato a possederne una. "Stiamo studiando anche l'opportunità di fare dei corsi: degli esperti ci hanno contattato e potrebbe essere interessante creare una serie di eventi formativi sulle criptovalute e sulla blockchain, la tecnologia che sta alla base". Con l'operazione di aumento di capitale Criptomining offre il 15% delle quote sociali, con una valutazione post operazione da 2 milione di euro.   

La base operativa della startup è in un palazzo nel cuore di Milano, nei piani sotterranei di un edificio, e per affrontare due dei temi cruciali di chi mina Bitcoin, ovvero i consumi di energia e l'impatto sull'ambiente, si è affidata ad accordi con un primario gestore di energia. La seconda, in particolare, compensa tutta la Co2 prodotta dai sistemi di Criptominign.online piantando alberi in tutto il mondo, mentre dal punto di vista delle forniture di energia elettrica sono dei contratti a garantire che la spesa non superi una soglia tale da creare problemi all'equilibrio della società. 

Per ulteriori informazioni: https://www.opstart.it/progetto/criptomining-round-3/  

Cosa fa Criptomining.online?
Molto semplicemente produce criptovalute su scala industriale attraverso un processo informatico noto come mining. "Grazie a sinergie e importanti accordi commerciali possiano ritenere marginale il costo dell'energia elettrica, quindi concentrarci sulla produzione delle macchine. Come in ogni rivoluzione tecnologica, a grandissimi rischi corrispondono grandissime opportunità. Ma qui ci crediamo davvero, infatti abbiamo investito personalmente, non solo denaro ma anche know-how, tempo e notevoli sacrifici. Creare la struttura attuale ha portato investimenti per circa 200.000 euro, ma stiamo crescendo molto rapidamente anche grazie ai proventi quotidiani dell'attività di mining. Crediamo fermamente che le valute digitali siano solo l'inizio di una svolta tecnologica che rivoluzionerà tutti i settori industriali e finanziari, e accelererà l’internet delle cose. Se succederà potremmo dire che noi c’eravamo in prima persona", ha aggiunto Moretti.   

Matteo Moretti è property trader per un grosso broker europeo con diverse esperienze in startup. È investitore e finanziatore di molti progetti vincenti e in criptomining raccoglie tutta la sua esperienza finanziaria e strategica. Elio Viola, milanese di adozione, è avvocato specializzato in startup. Lavora con alcune tra le più importanti startup milanesi.

You May Also Like

Green energy: ACEPER scrive a Draghi per lanciare un “whatever it takes” contro la perdita di capitale umano e per un vero progresso culturale

Matec acquisisce Alfa Pompe

NEI CAMPEGGI E VILLAGGI CON IL BONUS VACANZA… ANCHE NEL 2021! NOVITÀ E NUMERI.

Nasce Mizuya, piattaforma che fornice “temporary credit management” alle imprese in difficoltà nella ripartenza post-Covid