Tesla battuta, ecco la prima Ferrari 360 Modena venduta in bitcoin

Padova - Negli ultimi mesi, sempre più persone hanno iniziato a conoscere bitcoin: la principale valuta digitale che ha generato interesse, tanto tra i privati, quanto tra le aziende. Lo dimostra (anche) il trend positivo delle ultime settimane, riflesso non solo dell’apprezzamento importante del prezzo della criptovaluta, ma anche da un aumento dell’adozione della stessa come “bene di scambio”, soprattutto nel mercato dell’auto. Infatti molte concessionarie hanno iniziato ad introdurre bitcoin come sistema di pagamento - come nel recente caso di Veloce Classic di Padova.

L’operazione ha portato notevole visibilità alla concessionaria, così da attirare l’attenzione di più clienti alto-spendenti, come nel caso di un cliente il quale ha deciso di acquistare una Ferrari 360 Modena pagando direttamente in bitcoin, registrando un primato in Italia.

Il tutto reso possibile grazie alla solida collaborazione tra la concessionaria e la società tinkl.it S.r.l (parte del gruppo The Rock Trading - Digital Rock Holding S.p.A.), la quale mette a disposizione un servizio a costo zero, che permette ad aziende, imprenditori e chiunque abbia una P.IVA, di accettare pagamenti in bitcoin, ricevendo però un bonifico in euro: senza ulteriori incombenze gestionali.

Commenta Daniele Pregnolato, CEO di tinkl.it: “Siamo compiaciuti e molto soddisfatti di aver risposto, grazie al nostro servizio a costo zero per il commerciante, a una precisa esigenza dell’acquirente, a maggior ragione in un momento storico estremamente particolare. Questo accordo può diventare la base per un'ulteriore diffusione della valuta digitale come sistema di pagamento oggettivamente riconosciuto.” Segue Veloce Classic: “Ringraziamo l’acquirente che ci ha avvicinato a questo nuovo mondo e l’azienda tinkl.it per averci seguito dall’inizio alla fine con grande professionalità e aver reso questa vendita possibile.”

L’acquirente, tecnologicamente evoluto, ha apprezzato la capacità del concessionario di far fronte alla propria richiesta e di adattarsi alle nuove frontiere offerte dal mondo fintech, nonché il rapido servizio offerto dalla società tinkl.it che in poche ore ha permesso di processare la transazione.

***

tinkl.it è l’azienda fintech Italiana che ha progettato e sviluppato il primo processore di pagamenti in bitcoin. La società è parte del gruppo The Rock Trading, di proprietà della Digital Rock Holding S.p.A. Il commerciante, attraverso tinkl.it, ha la possibilità di accettare pagamenti in bitcoin ricevendo direttamente un bonifico del corrispettivo in euro; non entrando mai in contatto diretto con la valuta virtuale. https://tinkl.it/ https://therocktrading.com/it/ https://digitalrockholding.it/

Veloce Classic: https://www.veloceclassic.com/ https://www.instagram.com/veloceclassic_london/ Bitcoin you are (now) welcome! (thanks tinkl.it!)

Contatti per la stampa:

tinkl.it
Daniele Pregnolato (Amministratore Delegato) - 3474105822 

Veloce Classic
media@veloceclassic.com - Mob. 0497986563

You May Also Like

Green energy: ACEPER scrive a Draghi per lanciare un “whatever it takes” contro la perdita di capitale umano e per un vero progresso culturale

NEI CAMPEGGI E VILLAGGI CON IL BONUS VACANZA… ANCHE NEL 2021! NOVITÀ E NUMERI.

Matec acquisisce Alfa Pompe

Nasce Mizuya, piattaforma che fornice “temporary credit management” alle imprese in difficoltà nella ripartenza post-Covid