“Ciao Donna”: tra verità e inganni del cuore, l’amore è la sola certezza che abbiamo

Si chiama Paola Ladogana l'autrice esordiente del romanzo “Ciao Donna”, pubblicato da Viola Editrice. La storia affronta il complesso rapporto di una madre con la figlia Alessandra mentre scorrono le stagioni della loro vita in un’Italia che cambia e si trasforma.

Due donne che lottano per la propria affermazione, per essere riconosciute, per essere amate e per amarsi così come sono. Nel precipitare di eventi drammatici, errori e incomprensioni impareranno a esprimere e a rendere vero l’amore l’una per l’altra. La narrazione abbraccia la quotidianità di una famiglia italiana degli ultimi 50 anni, con una prospettiva che scava nell’intimo dei due personaggi principali e pone al centro il loro rapporto ma anche il rapporto con se stesse e con gli altri.

Quella di Alessandra e sua madre sono vite che si intrecciano mentre si aprono ad altre vite, che viaggiano nel tempo, che insegnano e imparano Tutti i personaggi sono vittime e carnefici al tempo stesso. Perché in fondo non ci sono buoni e cattivi, ma ognuno è solo con la propria percezione della realtà e degli avvenimenti. Saranno le circostanze della vita a trasformare le persone e a restituire verità, mai assolute.  Ciao Donna è un libro scritto con grande fluidità e semplicità di stile che invita alla lettura e lascia in chi lo legge il desiderio di prolungare la riflessione.  

L’autrice Paola Ladogana
è nata a Roma il 3 febbraio 1967.
Giornalista pubblicista si occupa di comunicazione da più di quindici anni.
“Ciao Donna” edito da Viola Editrice, è il suo primo romanzo.

You May Also Like

“Se dicessimo la verità” di Giulia Minoli ed Emanuela Giordano, un viaggio nella legalità, in onda il 23 maggio in esclusiva nello Speciale TG1 prodotto da JMovie con Rai Cinema

Alessio Caraturo, il cantautore raffinato e romantico, torna con Loosing my control

InnTale lancia la nuova campagna GDR a tema Love, Death & Robots

Spoerri & gli amici del Nouveau Réalisme: è tutto pronto per la mostra al FRaC di Baronissi (Salerno)