FËDOR DOSTOEVSKIJ INCONTRA L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Si chiama Midjourney il primo software di Intelligenza Artificiale text-to-image che in questi ultimi mesi sta animando il dibattito tra artisti, programmatori e intellettuali. All'interno del programma, infatti, è sufficiente digitare una singola frase per ottenere in pochi secondi delle vere e proprie illustrazioni di sorprendente qualità.

La casa editrice palermitana Urban Apnea Edizioni fa incontrare la grande tradizione della letteratura classica, in questo caso un racconto visionario di Fëdor Dostoevskij, Il sogno di un uomo ridicolo, con l'ultimo ritrovato in termini di tecnologia applicata all'arte, Midjourney.
Inserendo la traduzione inglese di alcune frasi originali del maestro russo, l'Intelligenza Artificiale ha ricreato ad arte le scene pensate e narrate dall'autore.

“Riteniamo che la tecnologia, se ben usata, rappresenti una conquista per l'essere umano”, si legge nell'introduzione al libro, scritta dalla redazione, e “se è ormai evidente la superiorità dei computer in termini di memoria, capacità di calcolo e nozionismo, nessun software o programma era ancora riuscito a offrire risultati soddisfacenti in un campo profondamente umano come la creatività, e ancor meno nella sua forma più immaginifica: l'arte. Almeno fino a oggi”.
E, se da un lato “un'Intelligenza Artificiale non riuscirà mai a superare in valore artistico il talento umano, e ancor meno a soppiantarlo, per la semplice e ontologica differenza che intercorre tra i due, cioè l'anima” continua, “non si può fingere che l'Intelligenza Artificiale non stia facendo passi da gigante anche in questo campo e ignorarlo non servirebbe di certo ad arginare un fenomeno su scala planetaria”.

Passato e futuro, scuola classica e sperimentazione tecnologica, intelligenza umana e artificiale si incontrano quindi in un volume tutto da scoprire, gratuitamente online dal 18 settembre, in questo link:
urbanapneaedizioni.it/prodotto/il-sogno-di-un-uomo-ridicolo-illustrato/ 


ESTRATTO  
Anzi, vi svelerò un segreto, forse non è stato affatto un sogno! Perché è accaduto qualcosa di talmente potente e orribilmente realistico che non poteva trattarsi solo di un sogno. Forse il mio cuore ha dato origine al sogno, ma come poteva da solo avere la capacità di creare eventi così straordinari e fuori dal comune? Come potevo inventarmelo e immaginarmelo da solo? Come potevano un cuore così piccolo e debole, e una mente così insignificante innalzarsi a una tale rivelazione? Oh, giudicate voi stessi.

You May Also Like

Bronte, Sicilia: Pietre scartate diventano opere d’arte con “Le Pietre di San Giorgio” di Nicola Dell’Erba

Uscita del libro ‘La Danza di Medea’ Alberto Kofi, il poeta nomade

V2C presenta in Italia Trydan, il caricatore che gestisce in modo intelligente l’energia per ricaricare la macchina elettrica

“12 BUONI MOTIVI PER INVESTIRE IN ASSET DIGITALI” LA GUIDA DEFINITIVA PER LE CRIPTOVALUTE SPIEGATA DA CHI LE CONOSCE DAVVERO